Come prevenire e trattare l’otite nei bambini

Ciao sono Antonio Sacchiero e ti do il benvenuto in questo articolo sull’otite dei bambini. Qui potrai scoprire come affrontare in modo completamente naturale e innocuo questo problema veramente fastidioso e doloroso. L’otite è una delle patologie più frequenti in età infantile. Alle mamme che ci leggono sarà sicuramente capitato di vedere i propri bambini piangere per il dolore all’orecchio.

Otite nei bambini

Rimedi

Cura

Questa situazione è tanto frequente quanto fastidiosa e prevede diverse soluzioni.
Se è la prima volta che ti trovi ad affrontare un caso di otite infantile non lasciarti
prendere dal panico: si tratta di una condizione fastidiosa ma comunque
risolvibile. Quali sono i consigli migliori da seguire per non perdere il controllo della situazione?

Vediamo insieme quali sono i fattori che possono scatenare l’otite nei bambini e come riconoscerli.

Inizio con alcuni suggerimenti molto rapidi e altrettanto semplici, che possono essere utili a tutte le mamme che si interfacciano per la prima volta con i problemi all’apparato uditivo.

  • Attenzione al fumo passivo: uno dei principali fattori preventivi dell’otite nei bambini è evitare di esporli al fumo passivo, che può causare tantissime patologie, legate anche all’efficienza dell’udito. Per quale motivo? Per il semplice fatto che le particelle di fumo irritano molto le mucose nasali e favoriscono la presenza dei batteri a livello auricolare.
  • Attenzione alle manifestazioni di dolore: soprattutto se il bambino è piccolo è fondamentale fare attenzione a tutti i movimenti che possono indicare la presenza di un forte dolore. L’otite nei bimbi può infatti iniziare da forti dolori, che arrivano prima degli effettivi deficit di udito. Quali sono i segnali per capire se il piccolo ne sta soffrendo? Se noti che si sfrega spesso l’orecchio o se lo tira può essere il caso sospettare si tratti di un otite e quindi iniziare a prendere i primi provvedimenti.
  • Non sottovalutare la febbre: molto spesso nell’otite dei bambini si accompagna anche l’insorgenza di fenomeni febbrili. Il consiglio che voglio darti è quello di verificare sempre questa possibilità e quindi di sottoporre il tuo bimbo a un controllo alle orecchie quando la temperatura supera i 38°C.

Mamma misura la febbre alla bambina

immagine di esempio misurazione della febbre

  • La presenza di catarro nel condotto uditivo può far sospettare un’infiammazione della tromba di Eustachio che porta al fastidioso problema dell’otite catarrale, disturbo che si manifesta soprattutto nel periodo invernale e che se trascurata può evolvere in una forma acuta.
  • Fuoriuscita di pus dall’orecchio: può inquadrare l’insorgenza di un’otite purulenta, patologia infiammatoria caratterizzata dalla formazione di essudato nella cassa del timpano. Si tratta di una delle più frequenti manifestazioni di otite media, quindi di una forma sostanzialmente meno grave rispetto all’otite interna. Puoi avere maggiori informazioni nell’articolo dove espongo con maggior dettaglio la patologia dell’otite purulenta.

Ora che ti ho parlato di quelli che sono i consigli per non perdere di vista la
calma davanti ai primi sintomi di otite nei bimbi, mi concentro sui suggerimenti
migliori per far fronte alla situazione dal punto di vista pratico.

Il messaggio principale che vorrei passasse è quello di evitare di optare per
soluzioni temporanee, capaci di dare sollievo unicamente sul breve termine. Le
alternative per debellare questa fastidiosa situazione ci sono e non sono poche.

Rimedi per curare l’otite nei bambini.

Una soluzione molto frequente quando si tratta di curare l’otite infantile con i rimedi naturali. Scegli sempre quelli che ritieni più adatti al caso del tuo bimbo. Risolvere la fastidiosa infiammazione con i rimedi della nonna può non essere solo efficace, ma anche molto divertente. Quali sono le principali soluzioni naturali per dimenticare l’otite del tuo bambino?

  • Propoli: vero e proprio toccasana quando si parla di medicina tradizionale. Farla assumere al bimbo che si trova in questa fastidiosa condizione può essere molto utile, soprattutto per via della sua azione antibatterica. Il problema è che non avendo un buon sapore dovrai unirla a qualcosa di gradevole per lui come potrebbe essere un succo di frutta ma zuccherato il meno possibile.
  • Cipolla calda: Un’altra soluzione molto utilizzata dalle nonne e da chi ama i rimedi che la natura ci offre per guarire è la cipolla calda. In che modo svolge la sua azione contro l’otite nei bimbi? Attraverso il rilascio nell’orecchio di solfuro di allide, che, al pari della propoli, ha un forte potere antinfiammatorio.
  • Il succo di cavolo caldo: ma non ustionante, è un classico rimedio naturale e molto conosciuto, bastano poche gocce.
  • Un altro rimedio naturale veramente a portata di mano per curare l’otite del tuo bambino, consiste nell’appoggiare la nostra mano sulle orecchie dolenti. È un gesto spontaneo e naturale che compiamo quasi sempre senza rendercene conto e senza sapere quanto sia efficace. Come per altre parti del corpo e per altri dolori, magari causati da una caduta, un trauma o un reumatismo, il primo gesto che compiamo è proprio quello di portare la mano esattamente dove percepiamo il dolore e, normalmente, siamo subito in grado di sentire un sollievo da qualunque tipo di dolore stiamo sopportando. È sufficiente lasciare appoggiata la nostra mano per qualche minuto e otterremo un’ottimo effetto antidolorifico immediato!

Mamma con bambino

immagine di esempio mamma con bambino

Informazioni che riguardano la cura dell’otite del bambino.

  1. Per prima cosa ti dico che l’otite si può formare solo se il bambino in questione ha uno stato infiammatorio cronico “consistente”. Questo si può verificare soprattutto con una alimentazione in cui siano presenti molti amidi, latticini, e zuccheri. È ovvio che se li diminuirai nella sua dieta otterrai un immediato miglioramento !
  2. La seconda cosa è di fare attenzione agli antibiotici utilizzati per debellare l’otite nei bambini perché ci sono molte polemiche. Il mio consiglio è quello di evitarli quando è possibile. Innanzitutto hanno un’azione ritardata in quella che è una delle principali necessità nella cura dell’infiammazione, ossia l’eliminazione del dolore nel soggetto di età infantile, quindi meno propenso a sopportarlo. In secondo luogo la loro assunzione può causare l’insorgere di resistenze da parte dei batteri, quindi il sistema immunitario ne verrebbe indebolito con conseguenze negative soprattutto nell’intestino, ma anche in altri organi sensibili come i polmoni e lo stomaco.

Metodo Connettis® per trattare l’otite nei bambini

Il consiglio principale che ti voglio dare è quello di affidarti al mio personale Metodo Connettis™ come rimedio per l’otite del tuo bambino.

Applico e insegno alle mamme una tecnica semplice e di immediato riscontro : un trattamento connettivale sia della zona dell’orecchio che tutto intorno, per arrivare fino alla nuca, alla gola e alla mandibola. È un metodo che funziona molto bene ed è basato sulla capacità innata del nostro organismo di curarci in modo automatico e naturale.

In pratica consiste in una stimolazione manuale che riesce a creare una reazione tale nel cervello che in pochissimi trattamenti si ottiene prima una diminuzione e poi una remissione del dolore e dei sintomi. È facile, veloce e innocua. La applico da quasi 15 anni con successo, anche nei casi di otite esterna caratterizzata da una degenerazione cutanea localizzata nella parte esterna della membrana timpanica.

Ricevo molte gratificazioni soprattutto da parte dei genitori che capiscono quanto sia importante avere a disposizione un metodo che ci permette di limitare o addirittura evitare l’uso degli antibiotici. Ti ricordo che è un rimedio naturale al 100% per risolvere l’otite infantile e privo di controindicazioni.

Anche questo metodo, che applico oramai da anni e con notevoli successi, deriva dalla cultura popolare di usare la conoscenza dei nostri avi. Infatti quando spiego il metodo alle persone di una certa età riconoscono in quei gesti e manovre una saggezza logica, spontanea e di buon senso e spesso fa dire loro: “anche mia nonna faceva qualcosa di simile”!

A questo punto ti invito a vedere il video di presentazione di questo modo così naturale e semplice per trattare questo doloroso problema. Guarda il video nella parte alta o bassa di questo sito.

Ti auguro il meglio.
Ft. Dr. Antonio Sacchiero

PS: se hai trovato utili le informazioni condivise su questo articolo, mi farebbe piacere conoscere la tua opinione. Lasciami un commento qui sotto e/o condividi questo articolo su Facebook.

DISCLAIMER: ti raccomando di consultare il tuo medico di fiducia prima di applicare su te stesso/a le informazioni contenute in questo articolo, in quanto non vanno a sostituire la consulenza medica. Inoltre, non sei assolutamente autorizzato ad esercitare la libera professione applicando il mio metodo Connettis®.