Bruciore di stomaco in gravidanza? Ecco come agire

Ciao sono il Dr. Antonio Sacchiero fisioteapista e ti do il benvenuto in questo contenuto, dove ti fornirò informazioni molto preziose sul bruciore di stomaco in gravidanza. Nelle prossime righe avrai modo di conoscerne le principali cause, e ovviamente anche i rimedi naturali che consiglio con maggior frequenza alle mie pazienti.

Bruciore di stomaco in gravidanza: le principali cause

Bruciore di stomaco in gravidanza: i rimedi

Voglio tranquillizzarti fin da subito, e dirti che il mal di stomaco anche ad inizio gravidanza è assolutamente normale, e che anzi rappresenta uno dei principali sintomi della nuova condizione che vede protagonista la donna. Per saperne di più devi solo seguirmi in questo contenuto, grazie al quale potrai venire a conoscenza d’informazioni molto importanti per la tua salute e per quella delle persone che ami.

Bruciore di stomaco in gravidanza: le principali cause

Capita spesso che le donne incinte soffrano di bruciori di stomaco, addirittura a partire dai primi mesi di gravidanza. Perché avviene questo? Per il semplice motivo che aumentano le quantità di progesterone, uno steroide la cui presenza cresce in maniera considerevole quando sopraggiunge lo stato di gravidanza.

Donna in gravidanzaimmagine di esempio gravidanza

Come ben si sa, i cambiamenti ormonali riescono a influenzare profondamente il corpo del soggetto che li vive, e i mesi della gravidanza rappresentano una chiarissima dimostrazione di tutto questo. L’aumento dei livelli del succitato ormone determina infatti un sostanziale rallentamento dei processi digestivi, condizione che può determinare direttamente problemi di bruciore di stomaco.

Il rallentamento della digestione significa prima di tutto probabilità di aver sviluppato complicazioni come la gastrite e il reflusso gastroesofageo, che hanno appunto il bruciore di stomaco come principale sintomo.

Questa condizione, come poco fa ricordato, può presentarsi fin dai primissimi mesi di gravidanza, e, in alcuni casi, costituire un sintomo precedente addirittura alla conferma del test. Il bruciore di stomaco in gravidanza è, come tante altre manifestazioni fisiche, il sintomo di un cambiamento importante, determinato da tantissimi fattori causali che ogni giorno coinvolgono il corpo della donna in attesa.

Se nei mesi d’inizio della gestazione è possibile individuare come principale causa del bruciore di stomaco l’aumento dei livelli di progesterone, man mano che la gravidanza procede intervengono dei cambiamenti fisici molto più importanti. Quali sono? Prima di tutto lo spostamento dello stomaco verso l’alto, dovuto alla pressione esercitata dall’utero, che aumenta per forza di cose le sue dimensioni.

Il bruciore di stomaco si acutizza con particolare frequenza negli ultimi tre mesi di gravidanza, dal momento che il contenuto acido tende a salire e a irritare le pareti dell’esofago, provocando episodi di dolore generale in grado di rendere ancora più gravosa la sopportazione dei mesi finali della gestazione.

Esistono dei rimedi per ovviare a questo problema? La risposta è ovviamente affermativa, e nelle prossime righe ti darò qualche consiglio per destreggiarti meglio in questo ambito, scegliendo soluzioni che non portino effetti collaterali.

Bruciore di stomaco in gravidanza: i rimedi

Il bruciore di stomaco è una condizione che, come hai già avuto modo di leggere, è praticamente naturale durante i mesi di attesa. Il primo rimedio è quindi la tranquillità, il fatto di evitare di allarmarsi e interiorizzare la consapevolezza di stare vivendo un processo sì fastidioso, ma comunque ordinario durante un periodo complesso come la gravidanza.

Quali rimedi si possono adottare per risolvere il problema del bruciore di stomaco in gravidanza, senza mettere a rischio la salute della madre e del nascituro? Ovviamente le soluzioni naturali costituiscono la scelta migliore.

Fai attenzione a come ti corichi

Un importante rimedio al bruciore di stomaco in gravidanza consiste nell’attenzione alla posizione in cui ci si corica. Per attenuare gli effetti dell’acidità di stomaco può essere consigliabile addormentarsi con più di un cuscino sotto la testa, in modo da contrastare il processo di risalita del contenuto gastrico.

Cura l’alimentazione

Il bruciore di stomaco – anche quello che si presenta all’inizio della gravidanza – può ovviamente essere curato facendo riferimento al più importante ed efficace dei rimedi naturali, ossia l’alimentazione. La donna durante i mesi di gestazione deve fare sempre attenzione all’alimentazione, soprattutto se soffre di bruciori di stomaco.

In questi casi può essere utile aumentare il numero di pasti nel corso della giornata, e fare in modo che siano caratterizzati da un’assunzione di scarse quantità di cibo, così da evitare un aumento eccessivo della pressione sullo stomaco e un generale affaticamento dell’apparato digerente.

Donna in gravidanza mangia dell'insalataimmagine di esempio alimentazione in gravidanza

Effettuare 5/6 pasti frugali durante la giornata è la scelta migliore a questo proposito. Come è meglio muoversi quando si tratta di scegliere gli alimenti migliori da assumere? Il primo consiglio che posso darti a questo proposito è quello di diminuire tutti i carboidrati, che rendono più gravoso il processo di digestione. Evita anche gli zuccheri raffinati, contenuti nei dolci di produzione industriale.

Molto utile è optare per l’assunzione periodica di cibi che non alzino la glicemia, quindi evita più che puoi patate, carote, cipolle, zucca, barbabietola, e la frutta dolce. Evita anche le spremute perché eliminando la polpa elimini la fibra che è l’unica parte del frutto che ostacola la impennata della glicemia e quindi dell’ormone infiammatorio insulina.

Mi dispiace darti questa brutta notizia ma vedrai che sarai d’accordo con me quando avrai verificato l’effetto dei cibi di persona : gli unici frutti non molto dolci sono i frutti di bosco escluse le more e i gelsi. Anche i pompelmi non sono molto dolci, a patto che tu li mangi anziché spremerli, come raccomanda il mio nutrizionista!

Non dimenticare l’idratazione

Tenere sotto controllo i livelli d’idratazione è fondamentale se si ha intenzione di risolvere il problema del bruciore di stomaco in gravidanza, che, a livelli alti, può determinare episodi di vomito e diarrea. Alla luce di questo aspetto, ricordati di bere ogni giorno almeno 1,5 litri d’acqua, meglio se lontano dai pasti, a piccoli sorsi e masticandola 7/8 volte ad ogni sorso.

Questo strano consiglio è di fondamentale importanza perché così facendo farai in modo che quell’acqua verrà assorbita, digerita, assimilata e utilizzata dal tuo sistema linfatico dove ne sentirà l’esigenza maggiore. E non verrà più eliminata subito dopo averla bevuta, come mi raccontano quasi tutte le pazienti che conosco, e di qualsiasi età.

Ti auguro il meglio.
Ft. Dr. Antonio Sacchiero

PS: se hai trovato utili le informazioni condivise su questo articolo, mi farebbe piacere conoscere la tua opinione. Lasciami un commento qui sotto e/o condividi questo articolo su Facebook.

DISCLAIMER: ti raccomando di consultare il tuo medico di fiducia prima di applicare su te stesso/a le informazioni contenute in questo articolo, in quanto non vanno a sostituire la consulenza medica. Inoltre, non sei assolutamente autorizzato ad esercitare la libera professione applicando il mio metodo Connettis®.